• 21
    Mag
    2018
    'Mattia Marzi: La mia vita tra musica e scrittura' Mattia Marzi: La mia vita tra musica e scrittura
    (51 click) - Marco Zorzetto

    Il giovane critico musicale esordisce come scrittore in una biografia sulla vita di Silvano Coez.

     

  • 10
    Apr
    2018
    'E tu... lo conosci Coez?' E tu... lo conosci Coez?
    (376 click) - Rita Biganzoli

    E' il volume più richiesto della collana Arcana sui cantautori del Duemila ed č opera di  Mattia Marzi.

  • 27
    Nov
    2017
    'Alberto Bernardi: Io scrittore di romanzi da... vedere!' Alberto Bernardi: Io scrittore di romanzi da... vedere!
    (353 click) - Marco Zorzetto

    Alberto Bernardi presenta il suo primo romanzo thriller: "Non commettere atti impuri", una storia accattivante che scorre tra amore, sesso, azione e colpi di scena.

     

     

  • 01
    Lug
    2017
    'Non commettere atti impuri thriller' Non commettere atti impuri... il thriller dell'estate
    (721 click) - Rita Biganzoli

    Il thriller dell'estate 2017, da leggere tutto d'un fiato...

  • 04
    Lug
    2014
    'Addio a Giorgio Faletti' Addio a Giorgio Faletti
    (2488 click) - Silvio Barbieri

    63 anni e un'ampia e variegata carriera: cabarettista, attore, scrittore, cantante

  • 29
    Nov
    2012
    'Le favole di Nonna Ezia' Le favole di Nonna Ezia
    (3384 click) - Rita Biganzoli

    Dal 1 dicembre 2012  "Le Favole di Nonna Ezia", un bellissimo libro di favole, un piccolo aiuto anche per l'Associazione Genitori e Amici della Chirurgia Pediatrica "Gozzadini" (AMACI) di Bologna

  • 21
    Giu
    2011
  • 22
    Nov
    2010
    Storia della Pedagogia
    (3662 click) - Sim Van
    Tesine.net consiglia!Un testo appositamente studiato per superare gli esami del corso per Dirigenti di Comunitą. Adatto agli Operatori dei Servizi Sociali, perfetto per il Liceo Socio-Pedagogico, utilissimo come sunto per gli studenti universitari. Acquistalo su TESINE.NET!
  • 22
    Feb
    2003
    PARIS, DABAR di Paolo Angelici
    (3486 click) - Sim Van
    Via del Pratello, Bologna, un giorno del tempo presente.
    Otto pugni di persone si affrontano in una sfida all'ultimo bicchiere in un percorso itinerante in quattro bar del rione. Per ogni sosta, un bevuta; per ogni bevuta, un punteggio secondo un regolamento cervellotico con un intrigante premio a sorpresa. Vince chi non "straccia".
    Eccezionale ritratto della "Bologna da bere". Il regista, Paolo Angelici, ritrae egregiamente questa preziosissima oasi della cittą.
    L'ottima regia, nonostante il contesto grottesco, incornicia il tutto con poesia, ironia, rispetto e delicatezza.
    Fortissimo il richiamo al cinema felliniano, qui trasposto nell'ottica e con la tecnica del road movie.
    I personaggi che popolano Bologna, solo parzialmente rappresentati, rendono giustizia al mito della cittą. La maratona alcolica č solo un'occasione per far emergere le singole individualitą dei protagonisti con i loro ricordi, le esperienze, gli amori, le amicizie, i desideri, i dubbi.
    Finalmente il cinema italiano ci regala una pellicola originale, priva di retorica e genuinamente bella.
  • 14
    Gen
    2003
    ARARAT - IL MONTE DELL'ARCA di Atom Egoyan
    (3426 click) - Sim Van
    E' il racconto di un film che partorisce un film.
    La storia č percorsa dal ricordo del genocidio del popolo armeno ad opera dei turchi.
    In questo sottofondo storico il regista armeno tesse la complicata trama in cui i destini di due famiglie, una di origine armena e l'altra canadese, si incontrano casualmente.

    Lodevole l'intento di realizzare un film di denuncia sulla drammatica persecuzione del popolo armeno avvenuta nel secolo scorso quando si consumò il genocidio di questa gente che, con un milione e mezzo di morti ammazzati, costituisce, insieme ai sei milioni di morti ebrei nei lager tedeschi e alle centinaia di migliaia o, probabilmente, milioni di curdi massacrati nella loro terra, la fredda traduzione numerica delle sofferenze individuali che nascondono tali aride ma spaventose cifre.

    Il dualismo tra i due film contenuti nella medesima pellicola non facilitą la piena comprensione della trama inoltre, in alcuni tratti, la regia può risultare decisamente migliorabile.
    L'esasperata ricerca delle personali radici storiche da parte dei protagonisti, principali e secondari, costituisce un punto nodale del film che, tuttavia, rischia di risultare alquanto pesante; in particolare rileva, in tal senso, la figura della sorellastra/amante del protagonista che ha un rapporto ossessivo, confusionario e quasi fastidioso, con la ricostruzione del passato familiare.

    Alla fine si può dire che questa pellicola contiene tre film: la storia del protagonista Raffi, il racconto del pittore e, infine, il presunto film di Soroyan sul genocidio.

    Indubbiamente, però, la pellicola riserva alcuni momenti di intensitą supportati anche da immagini forti e crude e, nel complesso, costituisce un modo insolitamente non sbrigativo di rappresentare, seppur in un'ottica forse di parte, una pagina importante di storia.
    Durata 1h e 55'.

 Ultime dai Forum

 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net č una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372

Powered by Pigreco ver. 4.226